Ricerca clinica, servono più risorse e un tavolo tecnico istituzionale

I principali gruppi di esperti che si occupano di sperimentazioni nel nostro Paese, tra cui ACC, hanno avanzato alle Istituzioni una richiesta scritta in cui vengono delineati i tre capisaldi per il rilancio della ricerca clinica a partire dai criteri per semplificare, armonizzare e velocizzare le procedure autorizzative, che richiedono tempi ancora troppo lunghi. E per procedere rapidamente è necessario istituire al più presto un tavolo tecnico istituzionale.

 

Se ne è parlato in una conferenza stampa alla quale, oltre ad ACC, hanno preso parte FADOI (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti), FICOG (Federation of Italian Cooperative Oncology Groups), Fondazione GIMEMA (per la promozione e lo sviluppo della ricerca scientifica sulle malattie ematologiche) e GIDM (Gruppo Italiano Data Manager). «Pur avendo poche risorse a disposizione, gli studi condotti in Italia hanno cambiato la pratica clinica a livello internazionale in diversi tipi di tumori, portando alla modifica di linee guida e raccomandazioni – ha detto il Presidente di Alleanza Contro il Cancro, prof. Ruggero De Maria -. E i lavori scientifici italiani in ambito oncologico sono tra i più citati al mondo, subito dopo quelli del Regno Unito. La ricerca clinica si muove verso modelli di generazione delle conoscenze scientifiche, anche attraverso i big data, che sempre più presuppongono la presenza di dati clinici originali e di archivi digitali, la disponibilità di piattaforme tecnologiche per la comunicazione, l’automatizzazione dei processi e l’applicazione dell’intelligenza artificiale». Risorse che sono state reperite per il Covid19. Proprio su questo punto, rispondendo a una specifica domanda, De Maria ha detto che se analogo impegno, mezzi finanziari e sfoltimento burocratico profusi e concretizzati per la pandemia fossero in qualche modo trasferiti sulla ricerca sul cancro, si riuscirebbe a cronicizzare la maggior parte dei tumori entro una decina di anni. Certo, il Covid – ha aggiunto – è stata una cosa improvvisa e soprattutto contagiosa. Ma non dimentichiamo che il numero di vittime che miete il cancro è enorme».

Paolo De Paoli, Direttore Generale di ACC, ha aggiunto che «il tema ‘digitalizzazione e innovazione’ rappresenta uno degli assi strategici attorno ai quali si sviluppa il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza conseguente alla pandemia.  È l’occasione per realizzare gli adeguamenti infrastrutturali necessari a compiere un ‘salto digitale’ anche in materia di ricerca clinica che vada al di là del contesto emergenziale e che sia il più possibile omogeneo e diffuso a livello nazionale, consentendo al Paese di affrontare in maniera competitiva le sfide e le opportunità che la ricerca clinica sempre più offrirà nei prossimi anni. E ciò anche valorizzando un Servizio Sanitario Nazionale universalistico, che continua a rappresentare una delle maggiori ricchezze e peculiarità del Paese. Inoltre, la digitalizzazione non riguarda solo gli aspetti tecnologici, ma anche quelli normativi, perché la ricerca ha esigenze di raccolta e utilizzo dei dati e di trasferimento alla clinica in tempi congruenti. Senza dimenticare – ha concluso – l’importanza della collaborazione in rete (ACC è la rete degli IRCCS oncologici) per raggiungere gli obiettivi comuni».

 

Distance training on oncogenomics for health professionals, how to participate

Distance training on Oncogenomics addressed to physicians and biologists developed within the framework of the Innovative Partnership for Action Against Cancer (iPAAC) Joint Action, an initiative co-financed by the European Commission involving 24 European countries. The core curriculum of competencies was identified by an international panel of experts through a Delphi consensus process. Developing and piloting e-learning tools on Oncogenomics for health professionals is part of the iPAAC Work Package 6 activities. See te attached file. Leaflet iPAAC training Oncogenomics

On line il nuovo sito di ACC

È on line da poche ore all’indirizzo www.alleanzacontroilcancro.it il nuovo sito di ACC, la Rete Oncologica Nazionale fondata nel 2002 dal Ministero della Salute.

Punto di partenza, il ripensamento della homepage che ora mette in luce con maggiore chiarezza, rispetto al passato, l’identità del network e l’adeguamento di alcune aree «anche alla luce dei nuovi compiti di cui sono investite le Reti» spiega il prof. Ruggero De Maria, Presidente ACC.

Diversamente dal passato, la consultazione ora avviene secondo una logica verticale, tipica nell’utilizzo di device mobili. Lo stile grafico si sviluppa tra i colori propri di ACC utilizzando però una palette cromatica dai toni più freschi e contemporanei, con caratteri più grandi ed elementi grafici minimali «con l’obiettivo – afferma Massimo Boni, responsabile Comunicazione di ACC – di veicolare l’autorevolezza della Rete ma anche la sua contemporaneità e innovatività. Scorrendo l’homepage l’utente ha compendiate le attività core e le articolazioni di ACC: progetti, working group, comitati e news – queste ultime possono essere consultate, unitamente alla rassegna stampa, in maniera rapida e intuitiva. Anche le pagine interne sono state riorganizzate. Particolare attenzione è stata riservata inoltre alla navigazione mobile. La versione in lingua inglese – conclude – sarà conclusa entro pochi giorni».

Ad ACC, la cui mission è portare l’innovazione tecnologica e organizzativa dalla ricerca di base alla pratica clinica elevando e uniformando il livello di assistenza, cura e riabilitazione dei Pazienti oncologici su tutto il territorio nazionale, aderiscono attualmente 28 Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), AIMaC, Italian Sarcoma Group, Fondazione CNAO e Istituto Superiore di Sanità – che ne ospita gli uffici.

Il network è impegnato in 5 progetti principali: GerSom (programma di genomica oncologica per curare meglio i pazienti e prevenire i tumori nei familiari ad alto rischio), Health Big Data (in collaborazione con le Reti Neuroscienze e Cardiologica per l’analisi dei dati clinici convenzionali e la loro integrazione con altri che derivano dalle scienze omiche), Car-T (sviluppo di nuove terapie per distruggere tumori che non siano efficacemente curabili in altro modo), Forza (creazione di una infrastruttura operativa tra gli associati per favorire la ricerca accademica clinica e traslazionale), TranScan (promozione e finanziamento di nuovi progetti di ricerca traslazionale tra partner UE) e OncoNGS. Sono infine attivi 13 WG impegnati su differenti tipologie neoplastiche (Colon, Mammella, Polmone, Glioblastoma, Melanoma, Sarcoma e Tumori dell’apparato muscoloscheletrico) e sulla ricerca clinica (Genomica, Anatomia Patologica e Biobanche, Oncoematologia, Immunoterapia, Radiomica e Survivorship care e supporto nutrizionale).

ACC è presente anche sui principali social network: FB, TW, YT e IN.

Il prof. De Maria intervistato sul canale tematico russo “Doctor”

Terapia genica e Car–T al centro dell’intervista che il Presidente di Alleanza Contro il Cancro, prof. Ruggero De Maria, ha rilasciato al canale televisivo russo specializzato Doctor, prima esperienza del genere (del broadcaster VGTRK) partita a luglio 2017 per trattare di ricerca e assistenza sanitaria con specialisti di livello mondiale.

(6’21”)

Ricerca accademica clinica e traslazionale: oggi primo atto operativo del progetto FORZA

Prende il via oggi, grazie a una collaborazione tra Istituto Superiore di Sanità, Alleanza Contro il Cancro – la Rete Oncologica Nazionale costituita nel 2002 dal Ministero della Salute e AIFA, il programma di formazione per clinical monitor nell’ambito di FORZA, lo spin-off del Comitato Ricerca Clinica e Strategie del Farmaco gestito direttamente da ACC.

Il corso, che si concluderà a inizio aprile, è il primo atto operativo per la messa a terra di FORZA che, come conferma il suo coordinatore Sandro Pignata dell’IRCCS Fondazione Pascale di Napoli, associato ad ACC, è finalizzata alla creazione di una infrastruttura operativa tra i 29 Istituti di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico di ACC per favorire la ricerca accademica clinica e traslazionale.

«L’intento – aggiunge Pignata – è migliorare la qualità delle sperimentazioni accademiche italiane in modo da rendere più competitivo il nostro Paese». L’offerta formativa per i clinical monitors – professionisti degli IRCCS che opereranno negli stessi Istituti per monitorare la corretta applicazione delle norme di buona pratica clinica negli studi clinici – è di 40 ore complessive. Il gruppo di coordinamento di ACC cui è affidata la gestione di FORZA è composto, oltreché dal coordinatore, da Franco Perrone (Fondazione IRCCS Pascale Napoli), Oriana Nanni (IRCCS Dino Amadori IRST Meldola), Paolo Zucali (IRCCS Humanitas Milano), Gennaro Daniele (IRCCS Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma), Nicoletta Colombo (IRCCS IEO Milano), Fabio Ciceri (IRCCS San Raffaele Milano), Diana Giannarelli (IRCCS IRE Roma), Emanuela Marchesi (ISG) Paolo Pronzato (IRCCS Ospedale Policlinico San Martino).

Massimo Boni | Ufficio Stampa ACC

Via a Transcan-3, bando completo dal 6 aprile

Il 1 marzo ha preso avvio il programma TRANSCAN-3, Sustained collaboration of national and regional programmes in cancer research, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito di Horizon 2020 (Grant Agreement no. 964264).

Il consorzio delle organizzazioni partecipanti ha dato l’annuncio preliminare della prima Joint Transnational Call for proposals (JCT 2021), che finanzierà ambiziosi progetti di ricerca collaborativi centrati sul tema: Next generation cancer Immunotherapy: targeting the tumour microenvironment. ACC parteciperà con un budget di 300 mila euro, per il finanziamento di un massimo di due progetti tra quelli presentati da ricercatori appartenenti ad uno degli Istituti membri di ACC. Il bando completo verrà pubblicato il 6 aprile 2021. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito TRANSCAN e sul sito EU

Scienza, società e politica: la nuova alleanza dopo il Covid19

Di Pier Giuseppe Pelicci, Gioacchino Natoli, Ruggero De Maria*

In questo ultimo anno di gestione della pandemia ci siamo abituati a vedere leader politici di tutto il mondo comunicare decisioni a fianco di uno scienziato. Decisioni che hanno un impatto diretto sulla vita e sulla salute di centinaia di milioni di persone ed effetti trasformativi su comportamenti e ricchezza, e che evocano quindi un grande dibattito sui media e tra la gente. La cosa, in sé, non può meravigliarci. Durante una pandemia, la società si aspetta che gli scienziati sviluppino e mettano a disposizione conoscenze di utilità pratica, che i politici prendano decisioni quasi istantanee sulla base dei dati scientifici disponibili, e che la popolazione collabori per minimizzare la diffusione dell’infezione anche a prezzo di sacrifici importanti sul piano economico e della libertà individuale.

Ma ciò può avvenire ad una sola condizione: che si sviluppi una fiducia reciproca tra scienziati, politici e cittadini. Il Sars-CoV-2 è un virus nuovo. Ma a solo un anno dal suo isolamento abbiamo numerosi vaccini la cui somministrazione avanza rapidamente in pressoché’ tutto il mondo. Seppure esista ancora strada da fare per migliorarne l’efficacia, aumentarne il numero e raggiungere tutta la popolazione mondiale, la possibilità che la pandemia sia verso la sua fine è per la prima volta una possibilità concreta.

Come è stato possibile tutto ciò?  La comunità scientifica internazionale ha compiuto uno sforzo di cooperazione e produttività che non ha precedenti. Mai prima d’ora governi e privati avevano investito in sinergia risorse finanziarie e competenze professionali così imponenti in un singolo progetto scientifico.

Ma la nostra speranza è che, per effetto del consolidamento del rapporto di fiducia tra società, mondo scientifico e politica, le conseguenze positive di questo straordinario successo vadano ben oltre l’attuale pandemia. L’accettazione, costantemente in crescita, del consenso della popolazione per la vaccinazione anti COVID-19 è la manifestazione tangibile della fiducia reciproca tra scienza e società civile, con la politica ad esercitare un ruolo di mediazione.

E’ una combinazione che può sembrare ovvia, ma che almeno su questa scala non ha precedenti. La nostra storia è infatti costellata da una lunga serie di esempi di profonda sfiducia nella scienza da parte di vasti settori della società e della politica su questioni altrettanto importanti per il destino dell’umanità, dai cambiamenti climatici agli organismi geneticamente modificati e alla alimentazione. Una crisi di fiducia reciproca che ha creato nella popolazione un sentimento diffuso di diffidenza verso i politici da una parte e verso gli scienziati dall’altra. Diffidenza spesso legata alla percezione di una scarsa affidabilità dell’informazione scientifica a causa di deformazioni dovute a convinzioni politiche o interessi personali da parte degli scienziati.

Grazie alla pandemia COVID-19 la relazione tra scienza, politica e società è ora al centro del dibattito in tutto il mondo. Con alcune luci e alcune ombre. Indubbiamente la pandemia ci ha imposto l’urgenza di prendere decisioni politiche basate sull’evidenza scientifica disponibile.  I risultati sono stati eclatanti. Se quest’approccio diventasse un metodo stabile del governo politico, da solo potrebbe cambiare la storia della civiltà umana. Ma per la sua stessa natura l’evidenza scientifica disponibile è in continua evoluzione e dunque incompleta, imponendo che molte decisioni vengano prese in condizioni di incertezza, spesso generando disaccordo e sfiducia nonché’ una immeritata impressione di inaffidabilità della scienza.

La pandemia ha creato incertezze in ogni aspetto della nostra vita (dal lavoro, alla cura dei nostri cari e all’educazione dei nostri figli). Incertezze che creano instabilità e paura, e aprono inesorabilmente alla sfiducia e alla ricerca di certezze “alternative”, spesso alimentate da disinformazione e fantasiose teorie cospirative.  La teoria del Sars-CoV2 generato da un laboratorio cinese non è diversa, nella sua natura, da quella del sottomarino tedesco come origine del virus della pandemia influenzale del 1918, chiamata “spagnola” sulla base di una fake news propagandistica. La scienza stessa non possiede bacchette magiche in grado di consentire un ritorno immediato alla vita normale. Offre invece risposte basate sulle conoscenze disponibili ad ogni specifico momento e quindi, per la stessa natura del processo scientifico, provvisorie e incomplete. Questa è la natura, straordinaria, della scienza. La scienza si basa sull’accumulo di osservazioni e sulla loro interpretazione. Per quanto i dati siano precisi, la loro interpretazione riflette processi mentali tutt’altro che infallibili. La scienza progredisce per tappe, ciascuna delle quali genera nuova conoscenza e al contempo nuova incertezza, incertezza che diventa la base delle indagini scientifiche successive.

Nel contesto di alcuni fenomeni, e la pandemia è uno di questi, lo scienziato non può fornire certezze assolute ma spesso valutazioni statistiche: non parliamo di certezza di guarigione o di protezione attraverso la vaccinazione ma di probabilità statistica, che fornisce quindi una misura diretta del livello della certezza (o meglio dell’incertezza) della conoscenza. L’inevitabile incertezza della scienza, spesso percepita dal pubblico come un fallimento del processo scientifico, è invece la base del progresso, fornendo la motivazione per l’approfondimento e l’affinamento delle conoscenze. Esiste purtroppo anche il caso dell’incertezza fabbricata ai fini di interessi particolari, che nulla ha a che fare con la scienza. L’esempio più eclatante è la fabbricazione nella mente dei cittadini di controversie che nella comunità scientifica non esistono. Nella maggior parte dei grandi temi (quali clima e vaccini) esiste un largo consenso nella comunità scientifica, consenso basato su dati solidi accumulati negli anni e sottoposti a rigorose analisi. I pochi scienziati che per interessi personali o attitudini protagonistiche manifestano disaccordo, lo fanno più spesso sui media o sui social network piuttosto che nelle opportune sedi scientifiche. Spesso questa situazione viene presentata al pubblico come evidenza dell’esistenza di un dibattito tra parti meritevoli di uguale rappresentanza. Un vecchio trucco. Per decenni, nel secolo scorso, le industrie del tabacco hanno promosso la percezione della assenza di consenso scientifico sui danni causati dal fumo. Questi trucchi minano fortemente la fiducia della popolazione nella scienza, molto più di una comunicazione onesta dei dati scientifici nel loro contesto di incertezza, che ha invece effetti nettamente positivi su un pubblico educato a comprendere la natura del progresso scientifico. In queste relazioni complesse svolgono un ruolo fondamentale i mezzi di comunicazione, che alla informazione rigorosa in alcuni casi antepongono quella emotiva basata  sull’insinuazione di dubbi, incertezze e paura per fidelizzare gli ascoltatori agli sviluppi della discussione. Il mondo dell’informazione dovrebbe altresì comprendere l’importanza di intercettare il pensiero condiviso dalla maggioranza degli scienziati sulla base dei dati disponibili piuttosto che consegnare acriticamente al pubblico opinioni individuali di scienziati spesso non forniti delle necessarie competenze o autorevolezza.

Da qui dobbiamo partire per affrontare le prossime sfide: il rilancio dell’economia, la prossima inevitabile pandemia, la sconfitta delle malattie ancora incurabili e infine l’ambiente, probabilmente la più grande di tutte.  In tutti questi casi, come avvenuto nella gestione della pandemia, scienza e politica dovranno lavorare insieme. Così come è vero che una buona politica dovrebbe fondarsi su una solida evidenza scientifica, è altrettanto vero che l’evidenza scientifica non è sufficiente a garantire la bontà di una scelta politiche. Ed è anche vero che nessuna politica avrà successo se non sarà coerente con la visione di umanità e società che vorremo scegliere. Gli scienziati sono pronti a fare la loro parte.

*Pier Giuseppe Pelicci
IEO e Università di Milano
Alleanza contro il Cancro

Gioacchino Natoli
IEO Milano

Ruggero De Maria
Alleanza Contro il Cancro
Università Cattolica e Policlinico Gemelli di Roma
Italian Institute for Genomic Medicine di Torino

Acc a Radio 24 per il World Cancer Day

In occasione del World Cancer Day, il coordinatore scientifico di Alleanza Contro il Cancro, prof. Pier Giuseppe Pelicci, sarà ospite, il 4 febbraio dalle 6.15, su Radio 24, a Obiettivo Salute – Risveglio, l’appuntamento quotidiano con Nicoletta Carbone con gli esperti di strategie, metodi e consigli pratici per iniziare bene la giornata.

Nei giorni scorsi Pelicci, riferendosi alla rapidità con cui sono stati approntati i vaccini anti-Covid, aveva spiegato che «la società dovrebbe imparare che una determinazione sociale e politica collettiva può raggiungere risultati incredibili» aggiungendo che «se ci fosse una mobilitazione tale anche per la ricerca contro il cancro, i tumori avrebbero vita breve, dieci o quindici anni al massimo».

La leadership nell’oncologia italiana impone nuove sfide

Molecular Tumor Board, équipe d’eccellenza al servizio dell’oncologo per la miglior terapia possibile